Slider

Ogni giorno è un buon giorno. Quindici gioie che il tè mi ha donato | Recensione

lunedì 10 febbraio 2020


La cerimonia del tè è una delle tradizioni più affascinanti del Giappone e in Ogni giorno è un buon giorno ci viene raccontato da Noriko Morishita che, a vent'anni, inizia a frequentare le lezioni della signora Takeda.


Noriko ha sempre visto queste tradizioni come qualcosa di vecchio e superato, non ha mai subito il fascino della cerimonia del tè in particolare eppure, convinta dalla madre, inizia a frequentare le lezioni assieme alla cugina. Inizialmente sembra tutto complicato e quasi senza senso. La ragazza non riesce a stare dietro tutti i numerosi passaggi, non memorizza e si sente poco aggraziata. Ma questa "scuola", che la accompagnerà per tutta la vita, non le sta semplicemente insegnando a preparare il tè nella maniera tradizionale, bensì cela una profonda filosofia di vita.

Nonostante sia chiaro quanto la cerimonia del tè abbia influito a livello personale sull'autrice, che in queste pagine racconta la sua esperienza, il libro risulta un po' distaccato, quasi impersonale. Ci si concentra molto nel descrivere i passaggi, gli utensili utilizzati, i dolci migliori da accompagnare a seconda del tè, il rapporto con gli ospiti e così via. Tutto molto interessante per chi, come me, è da sempre affascinato dalla cerimonia del tè e dall'aspetto più tradizionale del Giappone però mi aspettavo qualcosa in più. La preparazione e il lavoro impiegati in questo antico rito pongono quasi le basi per una filosofia di vita che fra queste pagine viene vagamente accennata anche se è evidente quanto sia stata d'impatto per Noriko. Noi seguiamo la sua vita scorrere fra fine dell'università, ricerca del lavoro, quasi matrimonio ed è possibile notare quanto la cerimonia del tè sia diventata poco a poco parte della sua quotidianità nonostante non abbia ancora ben padroneggiato l'arte.

Ogni giorno è un buon giorno è stato per me una piccola delusione perché mi aspettavo un maggiore approfondimento sull'aspetto personale. In certi punti è stato solo un lungo elenco di nomi tecnici e nulla più. Mi dispiace dirlo perché io sono davvero molto affascinata da tutto ciò che riguarda il tè e ho già assistito alla cerimonia completamente affascinata. Ma in questa lettura non sono riuscita sempre a cogliere la "magia" del rito, a capire fino infondo il legame fra la protagonista e la cerimonia. Ho sicuramente imparato qualcosa in più sulla tecnica, gli strumenti e le stagioni ma a livello personale ne sono uscita come ne sono entrata.


Ogni giorno è un buon giorno. Quindici gioie che il tè mi ha donato, Noriko Morishita


Einaudi | €16,00
Disponibili su Amazon e Ibs.it


3/5 

Nessun commento:

Posta un commento

Ultimi video

CopyRight © | Theme Designed By Hello Manhattan